Circolare ministeriale n. 82 del 19 luglio 2002 prot. n. 2103

Indicazioni operative in materia di supplenze di personale docente, educativo ed Ata in base allo scorrimento delle graduatorie permanenti da parte dei dirigenti scolastici

La conclusione anticipata rispetto all'anno decorso degli adempimenti relativi alla definizione degli organici, alla mobilità del personale docente, all'aggiornamento delle graduatorie provinciali permanenti, lascia fondatamente prevedere che codesti Uffici possano portare a termine, entro il 31 luglio, anche le operazioni relative alle assunzioni a tempo determinato. Ciò anche nella considerazione che non ricorrono le condizioni temporali per poter procedere alle assunzioni a tempo indeterminato del personale docente ed Ata con presa di servizio già dal prossimo anno scolastico.
Non si esclude tuttavia che taluni Uffici, in relazione a particolari situazioni o difficoltà, non riescano a portare a termine tutte le operazioni suddette entro il 31 luglio p.v.: fatto questo che, in attuazione di quanto previsto dalla legge n. 333 del 20 agosto 2001, comporterà il passaggio delle relative competenze dagli Uffici dell'Amministrazione ai dirigenti scolastici.
Tale passaggio non potrà, ovviamente, influire sul rigoroso rispetto delle norme che presidiano alla gestione delle graduatorie provinciali e sulle garanzie a tutela degli aspiranti collocati in posizione utile per la nomina.
Valga al riguardo, il richiamo al D.M. 25 maggio 2000 n. 201, che prevede, tra l'altro, che le supplenze vanno conferite tenendo conto dell'ordine di priorità degli aspiranti.
Proprio in funzione di tale logica, nell'anno scolastico decorso è prevalso il modello delle scuole di riferimento (scuole polo, reti di scuole) in forza del quale nelle realtà provinciali interessate, alcune istituzioni scolastiche - di regola individuate in apposite conferenze di servizio dei dirigenti scolastici, promosse dai Direttori regionali - hanno assunto l'onere del conferimento delle nomine per singoli gradi di istruzione e, per l'istruzione secondaria, per gruppi di graduatorie afferenti agli insegnamenti rientranti negli stessi ambiti disciplinari.
Nell'ottica sopra accennata si ripropone, per il prossimo anno scolastico, l'esigenza di individuare e scegliere le procedure e gli strumenti che si rivelino più adeguati ai fini del conferimento, da parte dei dirigenti scolastici, delle supplenze annuali e di quelle con durata fino al termine delle attività didattiche.
Al riguardo questo Ministero è dell'avviso che il modello delle "scuole di riferimento", largamente praticato, come accennato, per l'anno 2001/2002, sia risultato il più idoneo a conciliare e a comporre il complesso intreccio di competenze tra la molteplicità delle scuole che contemporaneamente hanno operato nei diversi ambiti territoriali per il conferimento delle supplenze annuali e la valenza provinciale delle graduatorie alle quali le scuole stesse hanno dovuto fare contemporaneamente riferimento, nel rispetto delle citate disposizioni regolamentari.
Tale modello, ferme restando le competenze dei citati dirigenti scolastici e l'autonomia organizzativa e operativa degli Uffici scolastici, rimane tuttora, ad avviso di questo Ministero, quello in grado di garantire, al tempo stesso, la legittimità delle procedure e il rispetto dei tempi fissati dalle norme vigenti.
Ovviamente, la scelta del menzionato modello o di altre soluzioni ritenute praticabili in relazione ai diversi contesti, deve passare attraverso il confronto con i dirigenti scolastici interessati e la condivisione da parte degli stessi: le conferenze di servizio si rivelano uno strumento idoneo allo scopo.
Le istituzioni scolastiche prescelte per l'organizzazione e la gestione delle procedure, dovrebbero presentare alcuni requisiti essenziali:

facile raggiungibilità da parte degli aspiranti;
idoneità degli ambienti e delle strutture da utilizzare (telefono, fax, internet, fotocopiatrice, accessi Siweb);
disponibilità di personale di segreteria, anche in relazione all'entità del lavoro da svolgere (si confronti al riguardo la nota tecnica Eds).

Prima di passare alla fase del conferimento delle supplenze annuali e fino al termine della attività didattiche, dovranno essere completate le operazioni di competenza dei Csa e dovrà essere definito il quadro complessivo delle disponibilità.
Solo a conclusione di tali incombenze, i cui esiti, per ragioni tecniche e organizzative, dovranno essere comunicati al Sistema informativo entro e non oltre il 6 agosto p.v., il Sistema stesso potrà mettere a disposizione delle scuole le informazioni ed i supporti occorrenti per l'avvio delle procedure di assunzione a tempo determinato da parte dei dirigenti scolastici.
L'allegata nota tecnica, predisposta dall'Eds, fornisce, in dettaglio, le necessarie informazioni sulle scansioni cui attenersi e sugli elementi che il Sistema informativo deve mettere a disposizione (elenco dei posti disponibili, calendari delle convocazioni, elenchi degli aspiranti, proposte di assunzione, nomine conferite giornalmente, ecc.).
In considerazione del particolare periodo in cui le convocazioni degli aspiranti alle supplenze saranno effettuate, si raccomanda vivamente di dare la massima pubblicità alle modalità organizzative concordate nella conferenza di servizio, indicando le scuole incaricate di effettuare le assunzioni, la distribuzione tra le stesse delle graduatorie per gradi di istruzione e classi di concorso, il calendario delle convocazioni. A tal fine sarà opportuno utilizzare, oltre ai tradizionali mezzi di diffusione e di comunicazione, ogni altro strumento idoneo allo scopo (comunicati stampa, internet, ecc).
Al fine poi di agevolare il compito agli aspiranti eventualmente impediti, gli stessi potranno delegare l'accettazione dell'assunzione, oltre che a persona di propria fiducia, al dirigente del Csa competente.
La delega rilasciata al dirigente del Csa opererà, dopo il 31 luglio p.v., anche nei confronti del dirigente scolastico che abbia assunto la gestione delle operazioni di assunzione.
Peraltro, coloro che non hanno rilasciato delega al responsabile del Csa potranno farla pervenire al dirigente scolastico incaricato della gestione della procedura entro il giorno precedente la convocazione.
Si richiama l'attenzione su quanto precisato con C.M. n. 146 del 4 ottobre 2001 riguardo alla non applicabilità delle sanzioni previste dall'art. 8 del D.M. n. 201/2000 nei casi di rinuncia alla proposta di assunzione per supplenze conferite sulla base delle graduatorie permanenti: ciò in considerazione del fatto che la legge n. 333/2001 ha introdotto l'aggiornamento annuale di dette graduatorie.
Si ritiene di dover sottolineare, inoltre, la fondamentale importanza che assumono la tempestiva trasmissione e l'aggiornamento al Sistema dei dati relativi alle diverse fasi operative, in conformità delle puntuali indicazioni che verranno fornite dall'Eds a mezzo di note tecniche. Infatti, il Sistema informativo metterà a disposizione alcuni prodotti di verifica sullo stato di avanzamento dei lavori, elaborati, si ripete, sulla base dei dati trasmessi, nella rispettiva competenza, dai Csa e dalle singole istituzioni scolastiche.
E' opportuno evidenziare che la corretta e puntuale comunicazione dei dati non solo risponde ad esigenze operative immediate, ma costituisce la necessaria base di riferimento per lo svolgimento delle attività di monitoraggio relative sia alle operazioni di avvio dell'anno scolastico che a quelle di supporto alle decisioni da assumere in funzione dell'intero processo di gestione del personale della scuola.
Si richiama l'attenzione sull'esigenza che gli Uffici provvedano prioritariamente al conferimento delle supplenze sui posti di sostegno agli aspiranti forniti del titolo di specializzazione, tenuto conto delle particolari modalità di individuazione degli aventi diritto, nonché della necessità di assicurare tempestivamente l'insegnamento agli allievi portatori di handicap.
A conclusione delle operazioni di conferimento delle supplenze annuali e di quelle con durata sino al termine delle attività didattiche e prima ancora di procedere al conferimento delle supplenze di propria competenza, sulla base delle graduatorie di istituto e di circolo, i dirigenti scolastici dovranno proporre ai docenti in servizio nella scuola l'attribuzione delle ore residue in aggiunta all'orario d'obbligo, ai sensi dell'art. 22, comma 4, della legge n. 448/2001 e del decreto interministeriale sugli organici in corso di perfezionamento.
Le indicazioni contenute nella presente comunicazione si applicano, con gli opportuni adattamenti, anche alle supplenze annuali e sino al termine delle attività didattiche da disporre a cura dei dirigenti scolastici sui vari profili appartenenti al personale Ata e sulla base delle graduatorie dei concorsi per soli titoli attualmente vigenti (24 mesi).
Si fa riserva di ulteriori precisazioni per quanto riguarda l'applicazione dell'O.M. n. 57 del 27/5/2002.
E' appena il caso di far presente che il corretto e puntuale svolgimento della complessa operazione di conferimento delle supplenze annuali da parte dei dirigenti scolastici richiede una costante e mirata attività di assistenza e consulenza da parte degli Uffici regionali e dei Centri servizi amministrativi alle scuole di riferimento: per questo è necessario che le SS.LL. costituiscano appositi Gruppi di lavoro con l'incarico di sostenere l'impegno delle scuole stesse. Nell'ambito di tali Gruppi è opportuno che le SS.LL. medesime individuino uno o più referenti. Affinché le istituzioni scolastiche possano consultare l'elenco dei referenti sulla sezione "innov@zionescuola" della intranet di questo Ministero i nominativi degli interessati dovranno essere comunicati al Servizio per l'Automazione (comunicazione di servizio a T05).
Il Dipartimento effettuerà il monitoraggio di tutte le operazioni di avvio dell'anno scolastico: al riguardo si stanno approntando appositi modelli di rilevazione che si fa riserva di trasmettere tempestivamente. Sugli adempimenti che saranno al riguardo richiesti a codesti Uffici, le SS.LL. sono pregate di vigilare personalmente e assiduamente.
Al fine di rendere più spedita e puntuale l'attività di rilevazione, le SS.LL. medesime sono, inoltre, invitate a designare un funzionario referente, segnalandone con urgenza il nominativo, il recapito telefonico, il numero di fax e l'indirizzo di posta elettronica al Dipartimento per i Servizi nel Territorio - Uffici di Collaborazione con il Capo Dipartimento - Ufficio II -, (fax 06-5849 2848).
Contestualmente le SS.LL. vorranno far pervenire il calendario delle operazioni.

IL DIRETTORE GENERALE
Antonio Zucaro

HOME Home Page

Web Counter dal 1/5/1999 Visite dal 1/5/1999