CONVEGNO NAZIONALE ASSOCIAZIONE UNICORNO L'ALTRASCUOLA

PESARO 23-24 APRILE 2004

Proposta di delibera per i collegi dei docenti delle scuole medie:

"Il Collegio dei docenti, vista la L.53/2003, il DL 59/04, la CM 29/2004, relativi alla introduzione ed applicazione della riforma della scuola, delibera quanto segue:

  1. l'offerta formativa nelle scuole che utilizzano l'ex-tempo prolungato è da considerare nella sua estensione normale di 36 ore (con 4 ore di compresenza, i rientri pomeridiani) con suddivisione delle discipline secondo le competenze, estendibile fino a un massimo di 40 ore; l'offerta formativa nel tempo normale è di 30 ore (con lo stesso modello organizzativo e orario dell'a.s. 2003-2004), estendibile fino a un massimo di 33 ore, quello sperimentale di 33 ore (doppia lingua: inglese 3 ore e francese 3 ore oppure: musicale); pertanto la dimensione dell'organico di istituto va commisurata NON su una offerta formativa di 27 ore obbligatorie, ma nella estensione oraria massima possibile;
  2. l'organizzazione oraria dell'offerta formativa in ore obbligatorie, ore facoltative opzionali e ore di mensa, si configura come insieme unitario e coerente, in cui le ore opzionali abbiano caratteristiche congruenti con le attività di insegnamento, apprendimento e formazione previste nelle ore obbligatorie;
  3. l'unitarietà e coerenza dell'offerta formativa trovano la loro realizzazione in un'organizzazione del lavoro in cui è prevista l'assoluta identità tra funzione docente e funzione tutoriale e perciò, come tale, propria di tutti i docenti della classe ed attribuita ad essi senza alcuna distinzione in base ad incarichi specifici e carichi orari, ma solo in base ai criteri di collegialità, corresponsabilità e contitolarità;
  4. i processi di insegnamento, osservazione degli apprendimenti, valutazione ed orientamento sono propri e specifici della funzione docente e la relativa applicazione ricade sulla professionalità e responsabilità propria dei docenti e perciò non condivisibile con altri soggetti; ne consegue che l'elaborazione, compilazione e cura dei documenti relativi ai processi di cui sopra sono compiti specifici di tutti i docenti e solo di essi;
  5. non si prevede alcun conferimento di incarico di tutor a chicchessia, né di conseguenza si individuano criteri a tal fine.

  6. NOTA

    L'Unicobas invita i collegi dei docenti e le rsu a vigilare e a mettere in essere tutti gli atti collegiali e contrattuali finalizzati alla salvaguardia dell'unitarietà della funzione docente e della pariteticità nell'organizzazione del lavoro, in base al CCNL 02-05, art. 24-25-27 ed al DL 297/94 art.395.